Totalmente impegnata nell’eredità lasciata dal suo fondatore, la Fondazione Milton Ray Hartmann da decenni sostiene progetti educativi creativi, che siano di piccola o ampia portata. La Fondazione si è costantemente sviluppata e adatta regolarmente i suoi criteri di sostegno ai progetti alle mutevoli condizioni quadro tecnologiche e sociali. L’apprendimento e l’insegnamento nella trasformazione digitale: questa breve formula riassume l’attuale programma di promovimento della Fondazione Milton Ray Hartmann.

Competenze digitali a scuola

I criteri essenziali per il promovimento sono l’innovazione, la partecipazione, il trasferimento di conoscenze e esperienze, come pure l’ancoraggio nell’ambiente sociale e economico della scuola. L’interazione tra questi assi determina, a lungo termine, la qualità e la sostenibilità dello sviluppo della scuola e dell’insegnamento. All’interno della scuola, ogni team è chiamato ad affrontare consapevolmente le proprie condizioni quadro e a sviluppare una comprensione comune. In questo modo, può maturare, nella rete di variabili digitali e analogiche, una nuova cultura dell’apprendimento e dell’insegnamento: la digitalizzazione nell’educazione.

Le direzioni scolastiche e le autorità scolastiche comunali possono quindi sottoporre un progetto concernente i livelli d’insegnamento primario, secondario I e II. Le domande vanno inoltrate unicamente sul portale di richiesta, che si trova sul sito internet Milton Ray Hartmann (francese).

Articoli correlati

10.12.2020

Il lockdown di marzo ha comportato nuove esperienze di insegnamento a distanza nella formazione professionale. Il nuovo rapporto «Accento sulle tendenze», pubblicato dall’Osservatorio svizzero per la formazione professionale OBS IUFFP, illustra gli elementi rilevabili per l’ulteriore sviluppo delle forme di insegnamento digitale.

18.1.2021

Da quando è stato presentato, nel mese di marzo 2020, Navigator è stato costantemente aggiornato. Le nuove applicazioni e gli aggiornamenti ora sono elencati singolarmente. Quest’autunno, in collaborazione con la Fondazione Centro svizzero della pedagogia speciale, è stata rivista anche la tematica dell’accessibilità.