Focus

Sulla base del rapporto «Dati nella formazione – dati per la formazione», la Confederazione e i Cantoni, nel mese di giugno 2021, ci hanno incaricato di sviluppare una politica d'utilizzo dei dati per lo spazio formativo svizzero. L'obiettivo è di garantire un trattamento sicuro e eticamente consono dei dati in seno al sistema educativo, nel quadro della protezione dei dati esistente, e di permetterne un utilizzo mirato.

L’identità degli allievi è un bene particolarmente prezioso, che merita di essere protetto, soprattutto nello spazio digitale. Per questa ragione, i Cantoni hanno creato la Federazione Edulog, che stabilisce delle regole identiche per tutti i fornitori d’identità e di servizi. Noi realizziamo e sviluppiamo, quindi, questo spazio di fiducia.

Internet ha abbattuto i confini a noi familiari ed ha creato dei nuovi modelli commerciali. Restano però gli spazi giuridici territoriali tradizionali. Noi mettiamo in relazione le prospettive tra il sistema educativo federale e gli attori mondiali.

L’educazione copre una vasta gamma di dati: dati personali e di utilizzo, dati sui comportamenti e i valori. L’utilizzo e la protezione di tali dati richiedono regole chiare e concordate. Noi sviluppiamo le basi per una politica di utilizzo responsabile dei dati.

13.1.2022

Reto Schwendimann (55 anni) il 1. gennaio 2022 è stato nominato Chief Operating Officer (COO) di Educa. In seno al comitato di direzione, composto di cinque persone, sarà responsabile di tutti i processi aziendali e dello sviluppo dell'ambiente di lavoro digitale.

21.12.2021

La fine dell’anno segna la conclusione del nostro anniversario Centanni. Nel nuovo secolo di Educa, portiamo con noi molti nuovi incontri – e una certezza: l’orizzonte educativo della vita viene plasmato dalle studentesse e dagli studenti.

20.12.2021

Nell’ambito del nostro programma dell’anniversario Centanni, ha ricevuto il premio di riconoscimento del «Topo d’oro» il progetto «MINTtutoren/here4you» della scuola elementare di Igis. Secondo la giuria, questo progetto si è distinto perché ha concretizzato l’«imparare con gli altri e dagli altri».

Altre notizie

25.1.2022

Il rapporto triennale dell’OCSE «Trends Shaping Education 2022» analizza le principali tendenze economiche, politiche, sociali e tecnologiche che influenzano l’educazione. Il rapporto si occupa anche di digitalizzazione e intelligenza artificiale. È pubblicato in inglese e disponibile online.

14.1.2022

Anche nel 2022 MEDIATICINO presenterà la ricerca sui giovani e l'uso dei media digitali alla conferenza annuale dell'International Communication Association (ICA). Il tema della 72esima edizione, che si terrà a Parigi dal 26 al 30 maggio, sarà «One World, One Network‽».

13.1.2022

Uno degli otto ambiti, in cui spazia il sondaggio «Stato digitale» condotto da Swico, riguarda la digitalizzazione e l’educazione. La maggioranza (58%) dei genitori sostiene che il livello delle competenze digitali degli insegnanti è insufficiente. Solo il 45% delle persone interrogate ritiene che gli allievi hanno una preparazione sufficiente per le professioni del futuro.

10.1.2022

In Calabria, con il progetto Smart for Europe, ci si prefigge di aiutare le cittadine e i cittadini, di tutte le età, ad acquisire le competenze digitali di base per esercitare la piena cittadinanza in Italia e in Europa e rendere i nuovi servizi online davvero universali.

15.12.2021

Il sistema della formazione professionale racchiude un grande potenziale nell’ambito della digitalizzazione. Per questo motivo ICT Formazione professionale Svizzera ha creato un nuovo centro di competenze al fine di consigliare e sostenere, nei progetti che riguardano la digitalizzazione, e in tutti i settori, gli attori della formazione professionale.

14.12.2021

Il 7 dicembre, European Schoolnet, in occasione del suo evento annuale di punta, ha convocato ministri europei dell’educazione, responsabili politici e leader del settore per discutere come l’educazione digitale può rendere il mondo più inclusivo. I contributi sono pubblicati sul sito della conferenza.

1.12.2021

Lo studio JIM 2021, condotto dalla Medienpädagogische Forschungsverbund Südwest (mpfs), fornisce i dati di base sulle abitudini mediatiche dei giovani in Germania. Nell’ambito di questo sondaggio, sono stati intervistati sul loro comportamento mediatico circa 1200 giovani tra i 12 e i 19 anni.

29.11.2021

Il consiglio comunale della città di Berna, a un anno dalla necessaria riforma del progetto informatico «base4kids2», e delle immediate misure decise, stila un bilancio. La riforma è stata definita e realizzata in stretta collaborazione con le scuole. In previsione di tale riforma, nel maggio 2021 era stato approvato un ulteriore credito di oltre 2 milioni di franchi.

25.11.2021

La pandemia ha messo in luce le disuguaglianze di accesso al mondo digitale da parte degli studenti italiani. La mancanza di disponibilità di tablet, pc e connessioni ha reso difficile la fruizione della didattica a distanza, con gravi effetti sull’apprendimento e la socialità. Save The Children, con il progetto Connessioni Digitali, mira a colmare tale gap.

24.11.2021

All’inizio del XX secolo, la cooperativa «Cinema scolastico e popolare svizzero» è stata una pioniera in Svizzera nell’introduzione del cinema a scuola e precorritrice dell’attuale agenzia specializzata Educa. In occasione del centenario della sua fondazione, è stato pubblicato il libro «Der Film geht in die Schule» (disponibile solo in tedesco) – una retrospettiva verso il futuro.

23.11.2021

Il Team Paper CSRE presenta i risultati del secondo sondaggio «Monitoraggio della digitalizzazione nell’insegnamento dal punto di vista degli allievi». Ai bambini e ai giovani della scuola dell’obbligo e del secondario II è stato chiesto di quali dispositivi digitali disponessero, a scuola e a casa, e l’uso che ne è stato fatto nell’insegnamento. (in francese, con dati riferiti al Canton Ticino)

10.11.2021

La trasformazione digitale implica nuove necessità per le scuole di tutti i livelli, compreso il liceo. Il Consiglio svizzero della scienza, nel quadro del progetto di riforma nazionale per lo sviluppo della maturità liceale, ha pubblicato un rapporto con delle riflessioni e delle raccomandazioni per la Confederazione e i Cantoni.

Indietro
Altro