Offerte di formazione individualizzate, misure di sostegno, conoscenze in materia di pilotaggio: i dati costituiscono la base per delle misure, mirate e rapidamente efficaci, a tutti i livelli del sistema educativo federale. La Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE) e la Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI) si sono impegnate congiuntamente per stabilire delle regole chiare per il trattamento dei dati nell’educazione. L’obiettivo enunciato: nell’ambito della protezione dei dati esistente, una politica d'utilizzo dei dati (per la scuola dell’obbligo e il livello secondario II) garantisce su scala nazionale che i dati nel sistema educativo vengono trattati in modo sicuro ed etico e ne permette un utilizzo mirato.

Verso una politica d'utilizzo dei dati per lo spazio formativo svizzero

Su mandato della Confederazione (SEFRI) e dei Cantoni (CDPE), abbiamo redatto il rapporto di base «Dati nella formazione – dati per la formazione» (francese), che identifica le aree d’azione e formula delle piste di riflessione e di sviluppo.

Su questa base, la Confederazione e i Cantoni, nel giugno 2021, ci hanno incaricato di sviluppare una politica d’utilizzo dei dati per lo spazio formativo svizzero (documento della decisione, francese). Questo lavoro s’inserisce nel campo d’azione «Formazione, ricerca e innovazione» di Strategia Svizzera Digitale e della strategia di digitalizzazione della CDPE.

Utilizzazione consapevole dei dati

Con lo sviluppo di una politica d'utilizzo dei dati (2022–2025), creiamo in tutta la Svizzera un quadro coerente per l’utilizzo mirato e affidabile dei dati nello spazio formativo. Per la sua implementazione prevediamo di realizzare le prestazioni seguenti:

  • un programma per la realizzazione di progetti per l'utilizzo dei dati
  • uno sportello per le domande relative all’utilizzo dei dati (servizi di consulenza e di supporto)
  • una comunicazione mirata di conoscenze ai decisori

Nell’ambito di questo programma, verrà selezionata una decina di progetti, che beneficerà di un sostegno tecnico e metodologico e, se necessario, sarà pure fornito il supporto per la realizzazione d'infrastrutture. Tali progetti dovranno mettere in luce i principali aspetti legali, etici, tecnici e della sicurezza per il trattamento dei dati nell’educazione, al fine d’elaborare delle basi concrete per definire una regolamentazione. L’obiettivo è di creare, mediante l’utilizzo dei dati, un chiaro valore aggiunto per il sistema educativo.
Calendario

Dal 1. luglio 2021 è iniziata la fase della realizzazione dello sportello e del programma.

A partire dal 1. luglio 2022, passeremo alla fase operativa.

  • A partire da questa data lo sportello risponderà alle domande che riguardano l'utilizzo dei dati e la protezione dei dati.
  • I progetti che parteciperanno al programma possono essere inoltrati a partire dal 1. luglio tramite il formulario di richiesta.

I punti seguenti costituiscono il prerequisito per la partecipazione al programma:

  • Il progetto deve disporre di un finanziamento.
  • Il progetto deve avere un legame educativo con la Svizzera.

I progetti saranno giudicati in base a dei criteri di valutazione. I progetti verranno integrati nel programma man mano che saranno sviluppati.

Se siete interessati a presentare un progetto, contattateci all'indirizzo data@educa.ch.

Nella nostra Newletter «Utilizzo dei dati» (francese), vi informeremo regolarmente in merito allo sviluppo della politica d'utilizzo dei dati, come pure per quanto riguarda le novità nel settore dell’utilizzo dei dati.

Contenuti correlati

I dati sono una risorsa strategica per la formazione professionale. Un accesso ai dati e uno scambio di dati facilitato promuovono l’innovazione. Il cardine del progetto è la creazione di una federazione di dati per la formazione professionale.

Am 16. März 2020 blieben die Schulhäuser leer. Mit beispielloser Kreativität gingen Schulleitungen und Lehrpersonen auf die Krise ein. Was sich im digitalen Wandel lange vor der Pandemie angebahnt hat und weit über Covid-19 hinaus wirken wird, verarbeiten wir zu Grundlagen für die Zukunft.