Tra la creazione di infrastrutture proprie, la chiusura di educanet², il lancio di Edulog: a che punto è il Canton Friburgo all’inizio del 2021?

È difficile parlare della situazione attuale senza menzionare la pandemia di COVID 19. Quest’ultima ha forzato un po’ la mano e ci ha permesso di accelerare dei progetti d’infrastrutture informatiche, compresa l’implementazione della soluzione di collaborazione e di comunicazione Microsoft Office 365 (M365). Il 2020 è stato segnato anche dalla concretizzazione della gestione cantonale dei conti informatici e delle identità digitali, facilitando così la realizzazione di progetti d’infrastruttura e aprendo la strada a soluzioni di federazione dei conti e degli accessi come Edulog. Dal periodo dell'insegnamento a distanza, pur essendo indesiderato, abbiamo imparato molto. Intere giornate in videoconferenza hanno evidenziato le carenze di allievi e insegnanti riguardo l’utilizzo di strumenti digitali o l’importanza del ruolo fondamentale dell’insegnante e dei contatti interpersonali.

«  Dal periodo dell'insegnamento a distanza, pur essendo indesiderato, abbiamo imparato molto.  »

 

Il Canton Friburgo per sostituire educanet² ha scelto, tra le varie offerte, Microsoft Office 365: come è avvenuto il passaggio?

Il corpo insegnante friburghese è stato favorevole ad una transizione tecnologica repentina. Ha avuto a disposizione un’assistenza in rete da parte di esperti, che si sono occupati dell’implementazione di Microsoft Office 365 (M365) in tutte le scuole. Quale complemento, sono stati proposti dei workshop, della documentazione e delle formazioni online. Attualmente, il sistema è installato e funzionante, gli utenti sono formati ad un uso amministrativo delle soluzioni Microsoft Office 365, è prevista una formazione pedagogica, i dati sono ospitati in Svizzera con una giurisdizione legale nella nostra nazione, tutti gli attori dell’educazione friburghesi hanno la possibilità di accedere a M365, ecc. La situazione è perciò stabile e molto soddisfacente.

Nel suo cantone, quali sono le principali sfide o opportunità prevedibili nei prossimi 2 o 3 anni?

Le sfide future saranno essenzialmente di ordine umano e pedagogico. Gli aspetti puramente tecnici e giuridici sono stati già risolti alla fine del 2020. I prossimi anni saranno quindi focalizzati sulla stabilità e sulla valorizzazione dei sistemi realizzati. In particolar modo, s'intende aumentare l'uso di questi strumenti affinché gli allievi e gli insegnanti ne facciano un uso sempre più ampio. Si dovranno sviluppare proposte didattiche, che convincano gli insegnanti che la tecnologia digitale può portare innumerevoli benefici alla loro pratica quotidiana.

Ospite

Directeur Fritic: Philippe Froidevaux
Philippe Froidevaux
Direttore del Centro di competenze Fritic

Articoli correlati

12.5.2020

L’insegnamento in presenza nella scuola dell’obbligo ha ripreso progressivamente dall’11 maggio. È l’occasione questa per trarre un bilancio intermedio sulla collaborazione tra cantoni e Confederazione nell'ambito dell’insegnamento a distanza. Intervista a Josef Widmer, vicedirettore della Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI).

4.6.2020

Quali conclusioni traggono i genitori e le famiglie dall’insegnamento a distanza che è stato svolto durante la pandemia di coronavirus? Nils Landolt – docente di scuola elementare, promotore di Schulwandel.ch e fondatore di LernHaus Sole – analizza i risultati di un’inchiesta condotta in 15 cantoni.

10.3.2021

Il Consiglio di Stato del Canton Glarona intende investire un ulteriore milione di franchi da destinare alla scuola dell’obbligo per incrementare la digitalizzazione. Il credito sarà impiegato per l’insegnamento delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione e in progetti di digitalizzazione.