Nel 2007, la Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione, (CDPE) ha pubblicato la strategia in materia di tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT) e dei media. Uno dei campi d'azione, che viene sviluppato nel documento, si riferisce alla creazione, alla qualità e allo scambio dei contenuti digitali adatti per l'insegnamento e l'apprendimento. Nel quadro di questo campo d'azione, siamo quindi stati incaricati di mettere a disposizione la Biblioteca scolastica digitale.

Con il nuovo statuto e il contratto di prestazioni, in vigore per il periodo 2021-2024, i nostri compiti sono cambiati sostanzialmente. Dopo la chiusura di educanet² e di educa.ID, alla fine del 2020, educa.Biblio è stata chiusa alla fine di giugno.

Ringraziamo i nostri partner con cui abbiamo avuto sempre degli scambi costruttivi e per la collaborazione intercorsa durante questi anni.

Articoli correlati

19.10.2021

Il Laboratorio media e MINT del Dipartimento formazione e apprendimento propone delle giornate di laboratorio digitale per le classi della scuola dell'obbligo del Canton Ticino.

13.1.2022

Uno degli otto ambiti, in cui spazia il sondaggio «Stato digitale» condotto da Swico, riguarda la digitalizzazione e l’educazione. La maggioranza (58%) dei genitori sostiene che il livello delle competenze digitali degli insegnanti è insufficiente. Solo il 45% delle persone interrogate ritiene che gli allievi hanno una preparazione sufficiente per le professioni del futuro.

29.11.2021

Il consiglio comunale della città di Berna, a un anno dalla necessaria riforma del progetto informatico «base4kids2», e delle immediate misure decise, stila un bilancio. La riforma è stata definita e realizzata in stretta collaborazione con le scuole. In previsione di tale riforma, nel maggio 2021 era stato approvato un ulteriore credito di oltre 2 milioni di franchi.

28.9.2021

Grazie alla gestione centralizzata delle identità, il Canton Appenzello Esterno ha potuto aderire rapidamente e facilmente a Edulog. Anna-Tina Steiner (responsabile di progetto presso l’Ufficio della scuola dell’obbligo e dello sport) e Marcel Rüegg (responsabile di progetto presso AR Informatik AG) ci presentano la loro esperienza.