Contenuto

Nello spazio formativo svizzero, le scuole, l'amministrazione, i genitori, le studentesse e gli studenti generano dati che, per il buon funzionamento dello spazio formativo, devono essere scambiati. Ciò che di per sé sembra semplice, in realtà è invece complesso: mancano le interfacce necessarie, i requisiti della qualità dei dati variano, la disponibilità dei dati tuttora non è garantita e i requisiti in materia di protezione dei dati sono elevati.

Una blockchain come base per lo scambio dei dati

Ci siamo chiesti come rendere più semplice, più diretto e più sicuro questo scambio di dati complesso. Il risultato che ne scaturisce, per lo scambio di dati nello spazio formativo digitale, è uno scenario che incorpora i quattro principi seguenti:

  • I dati sono scambiati sotto forma di giustificativi digitali (francese). Questi giustificativi sono degli equivalenti digitali dei giustificativi fisici, come ad esempio certificati di studio o diplomi. L'autenticità di tali giustificativi digitali è verificata utilizzando le informazioni contenute in una blockchain.
  • Lo scambio di giustificativi digitali, di dati o di messaggi, tra due attori, avviene tramite una connessione diretta e criptata.
  • L'individuo è al centro dello scambio dei dati e conserva lui stesso i suoi dati. Ciò rafforza l'identità auto-sovrana (francese) degli attori nella gestione dei loro dati nel sistema educativo.
  • Le informazioni contenute nei giustificativi digitali possono essere presentate a terze persone, in modo semplice e con risparmio di dati, sotto forma di dossier digitali. La verifica di questi dossier, tramite la blockchain, garantisce la connettività dei dati dal sistema educativo, ad esempio al mercato del lavoro.

Gli episodi della nostra serie di video, e le spiegazioni che li accompagnano, esaminano, più nel dettaglio, ognuno di questi principi.

Episodio 1: digitale e veritiero

Il primo episodio, partendo dall'esempio di Luca – un giovane che inizia l'apprendistato di falegname AFC – mostra come si svolgerebbe concretamente uno scambio di dati con giustificativi digitali. In linea di principio, i giustificativi digitali sono costituiti da tre elementi:

  • I metadati: contengono delle informazioni generali riguardo un giustificativo, ad esempio chi l'ha emesso o di quale tipo di giustificativo si tratta.
  • Il contenuto: indica il contenuto effettivo del giustificativo, ad esempio che una persona è apprendista in una certa azienda formatrice.
  • Metodi crittografici: è la descrizione dei metodi con cui il giustificativo viene firmato digitalmente; l'organo che ha emesso il giustificativo viene identificato nella blockchain.

Il contenuto del giustificativo digitale riassume, in modo digitale standardizzato e di alta qualità, le informazioni contenute in precedenza nel formulario cartaceo. Una combinazione di metadati, e di metodi crittografici, garantisce che il giustificativo è documentabile. Grazie a queste informazioni, è possibile verificare, tramite una blockchain, se l'organo emittente è autorizzato a rilasciare questo tipo di giustificativo.

Nel video (francese), Luca riceve sul cellulare il suo contratto d'apprendistato sotto forma di giustificativo digitale. Con questo giustificativo, in seguito, Luca si identifica, come apprendista della sua azienda formatrice, dappertutto in modo sicuro, digitale e verificabile.

Per poter caricare un video da Vimeo, deve prima autorizzare i cookie in «Analisi e statistiche» e «Confort e partenariato».

Episodio 2: diretto e criptato

Nel secondo episodio, – con l'aiuto di David, un futuro operatore per la pulizia ordinaria e manutentiva AFC – diamo un'occhiata alla connessione diretta e criptata tramite la quale i giustificativi digitali vengono scambiati. Nel nostro scenario, di un futuro spazio formativo digitale svizzero, questo tipo di connessione è un principio essenziale. Ne risultano quindi tre vantaggi:

  • Si tratta di una connessione con crittografia end-to-end, il che significa che i contenuti possono essere decifrati solo dagli attori coinvolti. In questo modo lo scambio di dati è più sicuro.
  • I dati non devono sempre essere scambiati tramite un intermediario (ad esempio un'autorità o un'istituzione). Questo permette d'accelerare lo scambio e di minimizzare i luoghi di stoccaggio dei dati personali.
  • La connessione può essere stabilita senza coordinate – che a volte cambiano – come gli indirizzi, gli indirizzi di posta elettronica o i numeri di cellulare e con la durata stabilita dalle due parti.

Nel video (francese), l'apprendista David comunica con il suo formatore dei corsi interaziendali tramite una connessione diretta e criptata. Grazie a questa connessione, riceve pure sul suo cellulare, sotto forma di giustificativo digitale, l'attestazione del primo corso interaziendale che ha frequentato.

Per poter caricare un video da Vimeo, deve prima autorizzare i cookie in «Analisi e statistiche» e «Confort e partenariato».

Episodio 3: gestione in autonomia

Nel terzo episodio, l'apprendista Chloé mostra come potrebbe svolgersi la gestione autonoma dei dati. Chloé sta concludendo la formazione di giardiniera e trasmette lei stessa tutti i risultati degli esami, necessari per l'ottenimento dell'AFC, sotto forma di dossier digitali. Mantiene, così, il controllo dei suoi dati e si colloca, quindi, al centro come individuo. Chloé è responsabile della gestione dei suoi dati. I vantaggi seguenti derivano dalla gestione autodeterminata dei dati nell'ambito del futuro spazio formativo svizzero:

  • L'istituto di formazione, in quanto organo di verifica, non deve più conservare i dati personali. I dati vengono richiesti in base alla necessità, tramite una connessione diretta e sicura. L'archiviazione decentralizzata dei dati elimina quindi in parte la necessità di memorizzare grandi quantità di dati.
  • Le apprendiste e gli apprendisti possono scegliere quali estratti dei risultati d'esame inviare a terzi. In questo modo, l'apprendista può conservare le informazioni che non sono rilevanti o che non meritano di essere protette. Allo stesso tempo, l'organo di controllo può definire quali informazioni devono essere inviate.
  • La verifica dei dati avviene senza che sia necessario un contatto tra l'organo di rilascio e quello di verifica.

Nel video, Chloé riceve tutte le verifiche delle competenze e i risultati degli esami sotto forma di giustificativi digitali. Per ottenere il diploma, invia un dossier digitale all'Ufficio della formazione professionale. Dopo aver convalidato il dossier, l'Ufficio della formazione professionale le invia l'AFC di giardiniera sotto forma di giustificativo digitale.

Per poter caricare un video da Vimeo, deve prima autorizzare i cookie in «Analisi e statistiche» e «Confort e partenariato».

Episodio 4: connettività e risparmio di dati

Nel quarto episodio, Giulia mostra come avviene l'iscrizione alla scuola universitaria professionale. In questo caso, utilizza i giustificativi digitali del suo percorso scolastico e professionale. Ancora una volta, vengono illustrati due vantaggi fondamentali dei giustificativi digitali:

  • Connettività: permette di combinare dei giustificativi digitali provenienti da fonti diverse e autorizza uno scambio standardizzato tra i vari livelli di formazione, fino ai documenti acquisiti sul mercato del lavoro (ad esempio i certificati di lavoro). Con pochi clic, le informazioni che contengono possono essere riunite in un dossier digitale. Questo semplifica l'archiviazione, la conservazione, lo scambio e la verifica dei dati.
  • Minimizzazione dei dati: permette di ridurre allo stretto necessario la condivisione di dati personali per un determinato scopo.

Nel video, Giulia utilizza il suo AFC di impiegata di commercio e il suo certificato di lavoro della sua azienda di formazione, sotto forma di dossier digitale, per iscriversi alla scuola superiore professionale. Giulia usa il suo giustificativo digitale per dimostrare che ha conseguito un AFC, economizzando dati e senza comunicare la sua nota finale.

Per poter caricare un video da Vimeo, deve prima autorizzare i cookie in «Analisi e statistiche» e «Confort e partenariato».

Contenuti correlati

I dati sono una risorsa strategica per la formazione professionale. Un accesso ai dati, e uno scambio di dati facilitato, promuovono l’innovazione. Il cardine del progetto è la creazione di una federazione di dati per la formazione professionale.

Nello spazio formativo svizzero ci sono molte incertezze riguardo l'utilizzo e la protezione dei dati. Il nostro sportello supporta le e i responsabili dell'amministrazione dell'educazione e le direzioni scolastiche e ne garantisce la chiarezza.

In molti settori, un miglior utilizzo dei dati può aiutare a soddisfare le esigenze in modo più mirato, può promuovere l'innovazione e agevolare l'uso delle risorse in maniera più efficace e sostenibile. Inoltre, i dati sono una risorsa centrale anche nell'ambito dell'educazione.