La fondazione Switch e l'agenzia specializzata Educa collaborano sempre di più per sviluppare i principi fondamentali dello spazio formativo digitale. L'obiettivo principale della collaborazione è di garantire la mobilità digitale e la permeabilità a tutti i diversi livelli e percorsi formativi, partendo dalla scuola obbligatoria, attraverso il livello secondario II, fino alla formazione accademica e alla formazione professionale continua.

In questo contesto, le due organizzazioni affermano congiuntamente: «Lo spazio formativo digitale deve essere permeabile e sostenere l'apprendimento permanente. Switch e Educa promuovono insieme la mobilità digitale sicura e l'accesso autonomo all'educazione e alla ricerca. Il nostro impegno a lungo termine si rivolge a tutti i livelli formativi.»

Una delle priorità attuali di questa collaborazione è l'apprendimento mobile. Ciò riguarda da un lato la dimensione spaziale: le studentesse e gli studenti cambiano spesso nello stesso momento scuola, comune, cantone, stato, istituzione. La mobilità significa però anche la trasmissione di contenuti inerenti alla formazione. Le istituzioni formative a tutti i livelli lavorano sempre di più con fornitori esterni del settore privato, in contesti d'apprendimento digitali. La formazione non è nemmeno limitata nel tempo: l'apprendimento permanente, sempre più spesso spinto dalla trasformazione digitale, è ormai diventato la norma per la maggior parte della popolazione.

Articoli correlati

Il 21 marzo 2024 sarà presentato EDUCO, un progetto di sviluppo di un'educazione digitale per le allieve e gli allievi del livello primario del Centro scolastico di Collina d'Oro. EDUCO è promosso dal Comune di Collina d’Oro e realizzato dal Dipartimento formazione e apprendimento / Alta scuola pedagogica (DFA/ASP) della SUPSI e dal Centro risorse didattiche e digitali del DECS.

L'inizio dell'anno è una buona occasione per fare il punto della situazione. Come si sta sviluppando la Federazione? Quanti fornitori di identità e di servizi sono partner? Cosa ci si può aspettare per il 2024? Le risposte a queste e ad altre domande si trovano in questo articolo.

A causa della trasformazione digitale aumentano le esigenze nei confronti del corpo insegnante. Perciò l'European Digital Education Hub (EDEH) ha pubblicato un rapporto sui rischi e i benefici dell'IA nell'insegnamento e nell'apprendimento, dove sono presentati strumenti e materiali didattici utili sul tema dell'IA per diverse fasce d'età.

Con l'ingresso di Lehrmittelverlag Zürich (LMVZ), aderisce a Edulog un attore di primo piano. Grazie ai suoi prodotti educativi, la casa editrice si è affermata al di là dei confini cantonali zurighesi. Dove porterà il viaggio della digitalizzazione? Risponde Michael Andrä, responsabile di LMVZ digital.