La fondazione Switch e l'agenzia specializzata Educa collaborano sempre di più per sviluppare i principi fondamentali dello spazio formativo digitale. L'obiettivo principale della collaborazione è di garantire la mobilità digitale e la permeabilità a tutti i diversi livelli e percorsi formativi, partendo dalla scuola obbligatoria, attraverso il livello secondario II, fino alla formazione accademica e alla formazione professionale continua.

In questo contesto, le due organizzazioni affermano congiuntamente: «Lo spazio formativo digitale deve essere permeabile e sostenere l'apprendimento permanente. Switch e Educa promuovono insieme la mobilità digitale sicura e l'accesso autonomo all'educazione e alla ricerca. Il nostro impegno a lungo termine si rivolge a tutti i livelli formativi.»

Una delle priorità attuali di questa collaborazione è l'apprendimento mobile. Ciò riguarda da un lato la dimensione spaziale: le studentesse e gli studenti cambiano spesso nello stesso momento scuola, comune, cantone, stato, istituzione. La mobilità significa però anche la trasmissione di contenuti inerenti alla formazione. Le istituzioni formative a tutti i livelli lavorano sempre di più con fornitori esterni del settore privato, in contesti d'apprendimento digitali. La formazione non è nemmeno limitata nel tempo: l'apprendimento permanente, sempre più spesso spinto dalla trasformazione digitale, è ormai diventato la norma per la maggior parte della popolazione.

Articoli correlati

L'intelligenza artificiale (IA) permea sempre più la nostra vita quotidiana. Come la si può trattare nell'insegnamento in modo interdisciplinare, ludico, favorendo una riflessione critica e adottando un orientamento all'ESS? Il dossier tematico «Intelligenza artificiale» di éducation21 propone al corpo insegnante conoscenze di base e una serie di idee per l'insegnamento.

Una politica d'utilizzo dei dati che tenga conto anche di questioni di equità nella formazione richiede un dialogo con tutte le parti interessate: la ricerca, l'ambiente scolastico, le aziende EdTech e l'amministrazione scolastica. Perché questo dialogo è cruciale lo spiega nel suo articolo il Prof. Dr. Kenneth Horvath, direttore del progetto di ricerca «Algorithmic Sorting in Education» presso l'ASP di Zurigo.