Dopo poco più di un anno di utilizzo di Edulog, il bilancio è positivo. Edulog ha innanzitutto permesso a Educlasse (vedere più avanti «A proposito di Educlasse») di migliorare la gestione dei dati.

Il co-responsabile Cyril Jeanbourquin spiega come il servizio online abbia dovuto svilupparsi parallelamente alle condizioni quadro. «La nostra idea è sempre stata quella di mettere a disposizione Educlasse non solo a tutti i cantoni ma anche ai paesi francofoni. Col tempo, questa idea si è progressivamente scontrata con la problematica della gestione dei dati. Per parecchio tempo siamo stati in grado di gestire le identità delle utenti e degli utenti (ossia cognome, nome, login, password, indirizzo di posta elettronica) ma il rischio di veder hackerata la banca dati, e di essere quindi chiamati in causa, ci ha fatto cambiare idea.»

I responsabili di Educlasse hanno perciò deciso di non più gestire le identità, e dunque di non conservare alcun dato degli allievi e del corpo insegnante. «Ciò che noi non conserviamo, non possiamo farcelo rubare. È uno dei principi basilari della protezione dei dati», sottolinea Cyril Jeanbourquin. Per contro, la connessione a Educlasse, da parte delle insegnanti e degli insegnanti, ora viene fatta unicamente con Edulog, ciò implica che il fornitore d'identità dell'utente abbia aderito alla Federazione. In questo modo è possibile limitare l'investimento e l'impegno finanziario in un'unica soluzione, piuttosto che impostare un accesso diverso per ogni fornitore d'identità. Questa decisione non è piaciuta a tutti. «Alcuni insegnanti di cantoni che non hanno ancora aderito a Edulog, vorrebbero comunque accedere a Educlasse», aggiunge Cyril Jeanbourquin.

«  Ciò che noi non conserviamo, non possiamo farcelo rubare. È uno dei principi basilari della protezione dei dati.  »

Edulog ha semplificato la gestione dei dati delle utenti e degli utenti. «Attualmente, conserviamo il TechID, il nome, e il cognome delle insegnanti e degli insegnanti. Per gli allievi, unicamente il nome e il TechID.» La Federazione d'identità permette di evitare dei problemi al momento in cui le utenti e gli utenti cambiano istituzione o quando il fornitore d'identità apporta delle modifiche alla sua gestione delle identità. Il TechID è la chiave unica che permette questa gestione facilitata.

Cyril Jeanbourquin si sente un po' più sicuro anche grazie alla minimizzazione dei dati. «Se degli hacker dovessero rubare questi dati, non potrebbero farne gran che. Come fornitore di servizi legato allo Stato, ne siamo responsabili poiché le utenti e gli utenti sono i nostri allievi, le nostre e i nostri insegnanti. Si tratta dunque di una questione molto delicata.»

A livello tecnico, il co-responsabile di Educlasse afferma di essere soddisfatto. «Non abbiamo quasi mai avuto bisogno di fornire un supporto alle utenti e agli utenti poiché Edulog è semplice e trasparente.» Tuttavia, evidenzia un problema: «la connessione degli allievi necessita di una tripla immissione (pseudonimo, indirizzo di posta elettronica, password). Il processo è un po' complesso per dei bambini di 10-12 anni.» Inizialmente, il processo era più semplice (con la compilazione automatica degli indirizzi di posta elettronica). In seguito, per garantire la sicurezza dei dati, la segreteria di Edulog a fine 2021 ha reintrodotto la tripla immissione.

Educlasse ha potuto testare la forza del login tramite Edulog durante il Cyberdéfi 2022. Al concorso hanno partecipato più di 500 classi della Svizzera romanda, che dovevano risolvere, in team, delle sfide multidisciplinari. La concentrazione di utenti non ha posto alcun problema tecnico. Oltre a ciò, poiché le insegnanti e gli insegnanti hanno effettuato il login come di consueto con Edulog, l'accesso al concorso è stato facilitato.

«Dare l'esempio»

«Ciò che ora è necessario, è la forza dei numeri», sottolinea Cyril Jeanbourquin. «Più fornitori di servizi e fornitori di identità ci saranno, più Edulog avrà senso. A due anni di distanza dalla decisione plenaria della CDPE di creare la Federazione, l'attuale numero di partner non è sufficiente.» Cosa si deve fare? «Dare l'esempio e aderire a Edulog. Quando sento che alcuni cantoni hanno dei problemi con la protezione dei dati relativi al numero AVS, che tra l'altro non viene memorizzato da Edulog, penso che si tratti di cavilli. Si ha l'impressione che sia meno problematico avere le identità archiviate presso le GAFAM. È meglio aderire subito a Edulog e risolvere man mano questo tipo di dettagli, con un servizio adeguato. Da parte loro, le GAFAM non modificano certo rapidamente il loro modo di lavorare.»

 

A proposito di Educlasse

L'obiettivo di Educlasse non è cambiato dalle sue origini: fornire delle attività didattiche, che permettano di sfruttare in classe tutto il potenziale del digitale. Le attività possono essere collegate alle competenze del PER, tramite i coordinatori cantonali delle discipline. La grande maggioranza degli allievi del Giura e del Giura bernese utilizza questo servizio online. Ci sono delle utenti e degli utenti anche nella maggior parte dei cantoni svizzeri, oltre che in Belgio, Francia e Canada. Educlasse è accessibile liberamente e si rivolge principalmente agli allievi della scuola dell'obbligo. Offre per ogni anno di Harmos delle risorse d'apprendimento per la maggior parte delle materie, ad esempio degli esercizi di ripetizione sulla coniugazione dei verbi, sull'espressione orale, dei quiz, dei dettati audio e diverse attività di scoperta o esercitazioni con i media, dei questionari o la possibilità di interagire. Le attività di ogni allievo sono adattate in funzione dei risultati ottenuti. I quasi 2'000 insegnanti connessi possono pianificare le attività e gestire le classi e gli allievi. Possono anche utilizzare uno spazio dove depositare i compiti e interagire con gli allievi. Lo spazio è stato creato nel 2020 durante la chiusura delle scuole.

Articoli correlati

9.6.2022

Abbiamo affrontato questa domanda durante l'evento «Esprit Data», che si è tenuto alla fine del mese di aprile. Con questo incontro, si intendeva gettare dei ponti tra le diverse attrici e i diversi attori del sistema educativo, per trovare dei modi comuni nel trattamento dei dati.

28.10.2021

La questione dell’identità digitale è attualmente al centro dei dibattiti. Alan Moran spiega quali sono le sfide tecniche, politiche e sociali. Mette pure in luce la sfida che rappresenta lo sviluppo dell’identità nello spazio formativo svizzero.

28.6.2022

Ida fa visita ad Adi, che ha iniziato l'apprendistato di infermiere. Quest'ultimo racconta cosa è successo da quando ha lasciato la scuola Fliedermatte nel Canton di Quantus e come si presenta il suo nuovo mondo con Edulog, tra i tre luoghi d'apprendimento: la scuola professionale, l'azienda formatrice e i corsi interaziendali.

28.9.2021

Grazie alla gestione centralizzata delle identità, il Canton Appenzello Esterno ha potuto aderire rapidamente e facilmente a Edulog. Anna-Tina Steiner (responsabile di progetto presso l’Ufficio della scuola dell’obbligo e dello sport) e Marcel Rüegg (responsabile di progetto presso AR Informatik AG) ci presentano la loro esperienza.