Quando si tratta di dati, non è l'avere che conta, ma il farne uso, come notano Thouvenin et al. (2019). Ciò richiede un ripensamento di prospettiva da parte di tutti coloro che sono interessati. L'attenzione non è rivolta al singolo attore e al suo tesoro di dati, che figurano al centro, ma bensì alla «condivisione» o allo scambio mirato di dati e al riutilizzo sostenibile e consapevole di questi ultimi. Le domande centrali sono le seguenti: chi deve avere accesso a quali dati? Come deve essere strutturato questo accesso? E per cosa i dati devono essere utilizzati?

Differenti interessi e attitudini

È noto che ci sono tensioni nell'utilizzo dei dati. Da un lato, si tratta di preservare l'integrità digitale dei soggetti interessati, ossia le studentesse, gli studenti, il corpo insegnante e la scuola, e nessuno di loro deve essere svantaggiato. Dall'altro, le soluzioni innovative, che promettono di migliorare il successo scolastico individuale e sistemico, dipendono sempre più dai dati. S'incontrano interessi ed esigenze individuali e collettive, molto diverse e spesso controverse. Anche all'interno di un gruppo professionale, come quello del corpo insegnante, possono essere rappresentati atteggiamenti diversi. A chi o a cosa bisogna dare la priorità: all'individuo o all'interesse generale? Agli interessi commerciali o a quelli educativi? Alle persone o alla tecnologia? Alla protezione o all'utilità? Alle menti innovative o a quelle legate al sistema esistente?

Acquisizione sistematica di progetti

Una politica d'utilizzo dei dati non può essere sviluppata dall'alto verso il basso. Si tratta invece d'integrare i gruppi d'interesse e le loro richieste. Il programma di progetti per l'utilizzo dei dati, che è in corso dal mese di luglio, mira a cogliere le diverse prospettive e a far luce in modo mirato sulle aree di tensione. Attualmente, siamo impegnati nell'acquisizione sistematica dei progetti. Intendiamo tener conto di tutti i gruppi d'interesse, e delle loro esigenze, come pure d'identificare e analizzare le principali sfide legate all'utilizzo dei dati nel sistema educativo. L'obiettivo è di garantire una ripartizione equilibrata dei progetti provenienti dall'amministrazione, dalla ricerca, dalla pratica scolastica e dai fornitori di servizi, che apportano delle conoscenze rilevanti per il sistema.

Grande interesse

Molti attori vogliono cogliere l'opportunità di partecipare e mostrano un grande interesse per il programma. I primi progetti sono già stati presentati. Spetta a loro chiarire le apparenti dicotomie «protezione e utilità» o «interessi commerciali e educativi» e di esplorare le possibilità di regolare i diritti d'accesso e d'utilizzo. Il compito del programma consisterà nel riunire le differenti prospettive e conoscenze dei diversi progetti e formulare delle proposte di misure concrete per la futura politica d'utilizzo dei dati. E se le dicotomie apparenti potessero venir eliminate da una governance adeguata?

Articoli correlati

Una politica d'utilizzo dei dati che tenga conto anche di questioni di equità nella formazione richiede un dialogo con tutte le parti interessate: la ricerca, l'ambiente scolastico, le aziende EdTech e l'amministrazione scolastica. Perché questo dialogo è cruciale lo spiega nel suo articolo il Prof. Dr. Kenneth Horvath, direttore del progetto di ricerca «Algorithmic Sorting in Education» presso l'ASP di Zurigo.

Il progetto IDENTI del Cantone di Lucerna si occupa dell'identità digitale delle allieve e degli allievi ed esamina le condizioni quadro dei materiali didattici digitali e delle applicazioni. Karin Weber e Reto Buchmann, responsabili della direzione del progetto, hanno delineato per noi le prime soluzioni alle sfide individuate.