La crisi sanitaria ha accelerato la digitalizzazione nell’educazione. Ciò nonostante, le scuole e il corpo insegnante sono sempre più alla ricerca di applicazioni che siano adatte per il loro lavoro. Per questa ragione, lo scorso mese di marzo abbiamo lanciato l’applicazione web Navigator. Questo strumento è una guida che offre un’ottima trasparenza sull’insieme dei prodotti, presentando le applicazioni ed i servizi con un descrittivo e offrendo un confronto. Ora, le nuove applicazioni e gli aggiornamenti sono catalogati singolarmente, in modo da facilitarne la ricerca.

Modifica del capitolo «Accessibilità»

Le applicazioni digitali destinate a persone con disabilità, o che hanno bisogni educativi speciali, a volte devono essere adattate, affinché sia garantito l’accesso a questi servizi. L’uso di computer e di smartphone tradizionali è possibile solo se le applicazioni e i servizi sono progettati per un utilizzo «senza barriere» e se sono conformi agli standard di accessibilità. Con il Navigator ci si è chinati su questa problematica, dedicando un capitolo all’accessibilità e alla facilità d’uso. Questo capitolo è stato rielaborato in collaborazione con la Fondazione Centro svizzero della pedagogia speciale (CSPS). I sette principi del design universale sono stati arricchiti con i principi POUR e le norme WCAG 2.1. Attualmente, i criteri di accessibilità sono suddivisi nelle quattro categorie seguenti: percepibile, utilizzabile, comprensibile e robusto.

Continuiamo lo sviluppo di Navigator nell’ottica di una guida per una trasparenza del mercato. Gettate un’occhiata regolarmente!

Articoli correlati

5.11.2020

Dopo le prime esperienze d'insegnamento a distanza, realizzate durante la primavera 2020, diversi cantoni hanno realizzato delle indagini per valutarne i risultati (i link degli studi si trovano al termine dell’articolo). Il Canton Ticino, ha condotto un sondaggio tra gli allievi, i docenti, i genitori e le direzioni scolastiche. Tre le domande poste a Emanuele Berger, direttore della Divisione della scuola del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS).

4.1.2021

Le chiusure dei due servizi, durante il mese di dicembre 2020, ha segnato la fine di un’era. educanet² offriva uno strumento per l’organizzazione e la collaborazione a scuola e nell’insegnamento. educa.ID, invece, forniva un accesso semplificato a diversi servizi online destinati alle scuole.

1.3.2021

L’Università della Svizzera italiana (USI) e la SUPSI in collaborazione con l’Università di Lucerna stanno sviluppando una serie di offerte di formazione e coaching. Al centro vi sono temi quali l’insegnamento e l’apprendimento online, la sicurezza nel mondo digitale, gli strumenti e i metodi relativi alla raccolta e all’analisi di dati digitali.