Creazione di infrastrutture proprie, chiusura di educanet², lancio di Edulog: dove si trova il Canton Ginevra all’inizio del 2021?

Attualmente, tutti gli allievi del secondario I e II hanno attivato il conto collegato all’elenco Ecole en ligne. Questo conto permette loro di accedere a una serie di strumenti come l’applicazione interna di apprendimento e revisione Cotex. Tramite la richiesta da parte della scuola, anche gli allievi delle elementari possono disporre di un loro conto. Ecole en ligne esiste da più di dieci anni e tutti gli insegnanti e le insegnanti vi accedono con il loro account di posta elettronica professionale. Recentemente, abbiamo messo online un portale che permette di accedere rapidamente a tutte le applicazioni didattiche e a strumenti amministrativi di cui necessitano le insegnanti, gli insegnanti e gli allievi.

Quale soluzione ha scelto il Canton Ginevra per sostituire educanet²: come è avvenuta la transizione?

educanet² era poco utilizzato a Ginevra poiché avevamo attuato delle soluzioni informatiche a livello cantonale, tra le quali tre piattaforme collaborative – Moodle Apprentissage, il generatore di spazio di lavoro Graasp e la suite Google Workspace – come pure dei siti didattici creati con Wordpress e Drupal. Dunque, non ci sono stati problemi di transizione e la chiusura di educanet² è passata inosservata.

Inoltre, in una scuola del 3. ciclo stiamo testando una nuova piattaforma collaborativa basata su soluzioni libere: Pentila Nero. Ha il vantaggio di essere modulabile, a seconda delle nostre esigenze, ed è possibile integrare nel portale tutte le nostre soluzioni informatiche esistenti. Se questo progetto si rivelerà promettente, come speriamo, per Ginevra sarà la soluzione di riferimento per il futuro.

«  La sfida principale, per il cantone, è quella di investimenti e dell’accompagnamento al cambiamento.  »

 

Quali sono nel suo cantone le principali sfide e le opportunità previste nei prossimi 2-3 anni?

La sfida principale, per il cantone, è quella di investimenti e dell’accompagnamento al cambiamento. Innanzitutto, gli investimenti sono indispensabili e urgenti, al fine di equipaggiare le scuole e le classi degli strumenti tecnologici necessari all’educazione digitale. L’accompagnamento al cambiamento è necessario perché il successo dipende da una corretta formazione degli utenti e da un appropriato supporto da parte di referenti digitali di prossimità. Su un piano più etico o politico, il digitale è fonte di molte preoccupazioni ambientali e la scuola pubblica intende partecipare allo sforzo del Canton Ginevra per promuovere la sobrietà digitale.

Articoli correlati

L'intelligenza artificiale (IA) ha il potenziale per rivoluzionare il modo d'insegnare e di apprendere. Per farlo efficacemente ci si deve basare su solidi principi umani, valoriali, didattici e pedagogici. Vanno considerati i vantaggi e gli svantaggi, come pure le opportunità ed i rischi.

La Netzwoche riferisce della conferenza sugli acquisti informatici, che si è tenuta il 22 agosto 2023 a Berna, e alla quale ha partecipato Educa. Oltre all'intelligenza artificiale, la conferenza si è concentrata sull'acquisizione di soluzioni cloud e sui rischi ad esse associati.